Il cappotto termico per la tua casa a Brescia: sfatiamo un falso mito  

Il cappotto termico per la tua casa a Brescia: sfatiamo un falso mito  

Vuoi rifare il cappotto termico per la tua casa a Brescia ma ti hanno detto che non fa respirare i muri e favorisce la formazione della muffa?

Aspetta. Ragioniamo…

La decisione di installare un cappotto termico è spesso accompagnata da dubbi e incertezze… e dai consigli del “cugino” di turno. È vero, la scelta di migliorare l’efficienza energetica della propria abitazione è importante e merita una riflessione approfondita.

Ma il cappotto termico è davvero il nemico della “respirazione” dei tuoi muri? 

O stiamo forse trascurando i benefici reali che questa soluzione può offrire in termini di comfort abitativo, risparmio energetico e, sì, anche di salute dei muri della tua casa? 

È giunto il momento di sfatare un falso mito

Ti invito a scoprire come un cappotto termico ben progettato (partendo da un’analisi accurata della tua casa e delle tue esigenze) e correttamente installato può rendere la tua casa a Brescia e provincia più efficiente e confortevole, senza brutte sorprese. 

Il cappotto termico per la casa del nostro cliente (preoccupato) a Brescia 

Oggi, prendo spunto da un confronto avuto con Massimo, che è passato in studio per risolvere un suo grande dubbio e per trovare una soluzione su misura per la sua casa. 

La scelta di Massimo di voler installare un cappotto termico nella sua abitazione, si è scontrata con una serie di consigli e avvertimenti che hanno alimentato i suoi dubbi. 

«Rischio di ritrovarmi con la muffa in casa perché con il cappotto termico i muri non respirano!» ci ha detto, riportando i timori espressi da amici e conoscenti. 

Purtroppo, questo è un mito che, nonostante le evidenze e le tecnologie avanzate, continua a persistere.

È importante sottolineare che i “muri non respirano” e che un cappotto termico, quando progettato e installato correttamente contribuisce a migliorare il bilancio termico dell’edificio, prevenendo proprio quei problemi di condensa e muffa che preoccupavano Massimo, e che magari preoccupano anche te.

La chiave sta nella scelta dei materiali e nel rispetto delle corrette tecniche di progettazione dell’intervento e di posa in opera.

Quindi, il mio consiglio è di non fermarsi ai miti, ma di affidarsi a professionisti qualificati che possano valutare le specificità della tua abitazione e progettare un sistema di isolamento che ne esalti le prestazioni energetiche senza compromettere la salubrità degli ambienti. 

Ma approfondiamo. 

Con il cappotto termico la casa non respira e si forma la muffa sui muri: FALSO!

Non voglio annoiarti con nozioni tecniche, quindi vado al sodo riassumendo per punti la questione:

  • la muffa nasce e si sviluppa quando si verificano determinate condizioni, ovvero quando ci sono temperature superficiali basse e un elevato tasso di umidità negli ambienti. Quando notiamo quelle fastidiose macchie marroni o nere sui muri, le spore della muffa hanno già iniziato il loro ciclo di vita da un po’.
  • Il tasso di umidità interno in casa dipende da tutte le normali attività che svolgiamo ogni giorno (fare una doccia, cucinare, stendere il bucato all’interno, respirare…). E ogni giorno contribuiamo a produrre tanta umidità indoor, più di quanto immagini: una famiglia media di 4 persone produce circa 8-10 litri di acqua al giorno sotto forma di vapore acqueo. 
  • Contrariamente a quanto si pensa, “i muri non “respirano”. Che la casa sia dotata di cappotto termico o meno, solo una frazione minima di quel vapore acqueo attraversa le pareti.
  • L’unico modo per gestire efficacemente l’umidità in eccesso è ventilare gli ambienti, aprendo regolarmente le finestre, o installare un sistema di Ventilazione Meccanica Controllata.

Potrei fermarmi qui. Anche perché se hai letto con attenzione, sai già che un cappotto termico progettato su misura per la tua casa a Brescia e provincia (e solo con materiali certificati ad alte prestazioni garantite!) può davvero risolvere i tuoi problemi di dispersione termica, quindi di bollette alte e scarso comfort abitativo, migliorando la qualità della tua vita in casa. 

Tuttavia, voglio approfondire ancora. 

Umidità e muffa in casa dopo la posa di un cappotto termico? Succede solo se non ti affidi a professionisti qualificati che lavorano con metodo e non ti assistono per assicurarti la migliore esperienza abitativa

Quando si parla di umidità e muffa che compaiono dopo aver installato un cappotto termico, ci troviamo di fronte a due scenari tipici, entrambi evitabili con l’approccio corretto.

Nello specifico:

  1. Progettazione poco accurata e posa in opera “arrangiata”: un errore comune è sottovalutare i ponti termici, quei punti critici dell’edificio dove l’isolamento è meno efficace. Non risolverli e procedere con l’installazione del cappotto significa avere ancora problemi di dispersioni termiche e di differenza di temperatura superficiale che favorisce l’umidità, creando le condizioni ideali per la formazione di muffa. Basta un solo ponte termico non risolto in fase di progettazione e posa in opera per inficiare le prestazioni del sistema a cappotto e ritrovarsi con “i soliti problemi” in casa (dopo aver speso tanti soldi!)
  1. Ricambio d’aria inadeguato: la moderna riqualificazione energetica tende ad estremizzare l’involucro edilizio trasformando gli edifici in “fortezze” contro le dispersioni termiche. Il calore non uscirà più dagli ambienti. Questo è un dato positivo, ma diventa fondamentale provvedere a un adeguato ricambio d’aria in tutti gli ambienti (e più volte al giorno!) per evitare che il tasso di umidità salga a tal punto da favorire la formazione della muffa. In parole molto semplici, diventa essenziale, se manca un sistema VMC di Ventilazione Meccanica Controllata che lavora in automatico (anche quando le finestre sono chiuse!), iniziare a lavorare sulle buone abitudini che tradotto significa “arieggiare gli ambienti”. 

Ma quanti “addetti ai lavori” ti dicono con chiarezza queste cose?

Affidarsi a professionisti qualificati, che lavorano con Metodo e che sanno consigliarti al meglio per ogni aspetto della tua riqualificazione, è il modo migliore per assicurarti un’esperienza abitativa ottimale, senza brutte sorprese e senza spendere inutilmente i tuoi soldi.

E sai cosa facciamo noi dello Studio Alessi? 

Ti accompagniamo verso il massimo comfort e ti garantiamo benessere. 

Il cappotto termico a Brescia con LivIng Alessi: ti aiutiamo a progettare e realizzare un edificio che punta ai più alti standard di comfort, sicurezza ed efficienza energetica, senza mai scendere a compromessi sul risultato che ti aspetti

Prima ho sottolineato questo aspetto: “professionisti che non ti assistono per assicurarti la migliore esperienza abitativa”. E sai perché?

Perché in un settore dove il lavoro “arrangiato” non manca e dove spesso si improvvisa (e tanti scappano a lavori ultimati), tu puoi metterti al sicuro con LivIng Alessi

Abbiamo studiato un Metodo in 4 step per accompagnarti verso il risultato che ti aspetti: 

  1. consulenza personalizzata: ascoltiamo attentamente le tue richieste e ci impegniamo a comprendere appieno le tue esigenze;
  2. progettazione su misura: pianifichiamo ogni singola fase del lavoro in modo dettagliato e preciso, per garantirti un progetto chiaro e facilmente comprensibile, su misura per la tua casa e le tue esigenze;
  3. gestione del cantiere in tutte le sue fasi: sempre al tuo fianco per farti vivere un’esperienza serena, al riparo da stress e preoccupazioni; 
  4. assistenza esclusiva: ti seguiamo anche dopo i lavori per garantirti la migliore esperienza abitativa.

Che sia il cappotto termico per la tua casa a Brescia e provincia, una ristrutturazione pesante o una completa riqualificazione energetica, o qualsiasi altro intervento per elevare l’efficienza della tua casa e il tuo comfort, LivIng Alessi è la tua garanzia di risultato:


Qui invece puoi leggere le testimonianze di alcuni nostri clienti. 

P.S. Sai cosa ha deciso alla fine Massimo? Ha fatto il cappotto termico e oggi si gode una casa ad alta efficienza energetica, confortevole e con ambienti perfettamente salubri. 

Ing. Roberto Alessi

Ing. Roberto Alessi